Dalla scuola...,  News

Alle famiglie degli iscritti alla Peratoner per l’anno scolastico 2020/2021

Avendo ricevuto diverse richieste riguardanti l’apertura della nostra scuola a settembre, posto per tutti Voi la risposta che ho inviato a Raffaella, in questa risposta ho cercato di illustrare le criticità in cui si trova attualmente la nostra scuola, purtroppo attualmente non posso aggiungere altro perchè anche nel comunicato emesso oggi 10/07/2020 dall’ufficio stampa della Provincia non emerge niente di quello che più ci interessa, le linee guida con cui dovremo convivere nell’anno scolastico 2020/2021.

Un cordiale saluto a tutti.

Augusto Calzà

Gentile Raffaella,

La ringrazio per la sua mail che esprime in modo esaustivo il disagio in cui vi trovate per l’assenza di notizie da parte nostra.

La richiesta di aver maggiori informazioni per il rientro a settembre è più che legittima, ma  purtroppo ad oggi non ho ricevuto notizie certe relative a  quanto e come si dovrà approntare per il rientro.

Per quanto posso cercherò di descrivere di cosa avrò bisogno per darvi queste risposte:

  • le linee guida della Provincia di Trento in cui troverò i metri quadrati che saranno riservati ad ogni bambino e il numero di bambini che comporranno la sezione;
  •  oltre a queste avrò bisogno delle risposte dagli organi competenti riguardanti i lavori che dovremo mettere in atto per cercare di soddisfare al massimo le richieste d’iscrizioni pervenute.

Partendo dalle linee guida posso dirle che ad oggi non ci sono aggiornamenti, sembra che per quanto riguardi il numero dei bambini in sezione il numero ipotizzato sia da 18 a 20 bambini per gruppo. Prendendo per buono questo dato, si può ipotizzare che nelle sezioni poste al nord dell’edificio, Papaveri, Pratoline e Tulipani il numero di bambini che potranno essere accolti sia di 60, se riusciremo ad attuare un’ulteriore sezione il numero di 75 (è il numero precovid dei frequentanti nell’edificio storico) potrebbe essere raggiunto.

Questo per quanto riguarda la parte nord dell’edificio, mentre per la parte sud, la situazione è più complessa, attualmente o meglio prima del marzo 2020 la parte sud dell’edificio accoglieva 75 bambini in tre sezioni con un servizio igienico in comune, sezioni Girasoli, Mughetti e Violette.

Con la situazione epidemica attuale l’uso di un servizio in comune non è attuabile, per questo si è pensato di anticipare parte dei lavori già approvati dalla Provincia di Trento che si pensava di iniziare nel 2021, lavori, i cui contributi, per essere erogati hanno bisogno delle autorizzazioni rilasciate dagli uffici competenti, ufficio tecnico, autorizzazione dei vigili del fuoco, dell’ufficio igiene ecc.. Questi interventi prevedono il rifacimento della parte centrale dell’edificio e la realizzazione di servizi singoli nelle sezioni Girasoli, Mughetti e Violette, ed è su quest’ultima parte di essi che abbiamo posto tutte le nostre risorse per anticiparli in modo tale da rimuovere la criticità dei servizi in comune.

Questo è il quadro attuale, pertanto Le chiedo cortesemente di avere un po’ di pazienza, a fine mese avrò degli incontri che spero chiariscano tutti questi aspetti. 

Come vede il tema che Le ho esposto è complesso, posso dire che ho la fortuna di avere a fianco persone preparate che mi aiutano in questo frangente già difficile per la gestione coronavirus, ma  sono certo che  con la vostra collaborazione ed il vostro aiuto potremo farcela.

Per quanto già versato da voi genitori per il servizio di prolungamento dell’orario relativo al periodo marzo-giugno 2020, non posso risponderle perché le quote le incassa e le gestisce la Provincia, noi eseguiamo solo la parte definiamola esattoriale. Questo problema l’abbiamo già fatto presente alla Federazione Scuole Materne, per ora attendiamo risposta.

Un caro saluto

Augusto Calzà